Arien
Duos...
Opern
Kantaten
Komponisten
Switch to English

Arie: Dell invito trascorsa e gia l'ora

Komponist: Verdi Giuseppe

Oper: La traviata

Entschuldigung, aber wir haben noch keine separate Partitur für diesen Teil, aber Sie können die komplette Partitur dieser Oper herunterladen und manuell finden, wonach Sie suchen.

Klavierauszug

"La traviata" PDF 9Mb "La traviata" PDF 11Mb "La traviata" PDF 12Mb "La traviata" PDF 12Mb "La traviata" PDF 16Mb "La traviata" PDF 16Mb "La traviata" PDF 18Mb "La traviata" PDF 21Mb "La traviata" PDF 22Mb "La traviata" PDF 24Mb "La traviata" PDF 30Mb "La traviata" PDF 33Mb "La traviata" PDF 39Mb "La traviata" PDF 42Mb

Partituren für Orchester

"La traviata" PDF 6Mb "La traviata" PDF 9Mb "La traviata" PDF 17Mb "La traviata" PDF 33Mb "La traviata" PDF 75Mb

Salotto in casa di Violetta. Nel fondo è la porta che mette ad altra sala; ve ne sono altre due laterali; a sinistra, un caminetto con sopra uno specchio. Nel mezzo è una tavola riccamente imbandita.

Violetta, seduta sopra un divano, sta discorrendo col Dottore e con alcuni amici, mentre alri vanno ad incontrare quelli che sopraggiungono,tra i quali sono il Barone e Flora al braccio del Marchese.


CORO I
Dell'invito trascorsa è già l'ora
Voi tardaste

CORO II
Giocammo da Flora.
E giocando quell'ore volar.

VIOLETTA
andando loro incontro
Flora, amici, la notte che resta
D'altre gioie qui fate brillar
Fra le tazze è più viva la festa

FLORA E MARCHESE
E goder voi potrete?

VIOLETTA
Lo voglio;
Al piacere m'affido, ed io soglio
Col tal farmaco i mali sopir.

TUTTI
Sì, la vita s'addoppia al gioir.


SCENA II
Detti, il Visconte Gastone de Letorières, Alfredo Germont. Servi affacendati intorno alla mensa

GASTONE
entrando con Alfredo
In Alfredo Germont, o signora,
Ecco un altro che molto vi onora;
Pochi amici a lui simili sono.

VIOLETTA
Dà la mano ad Alfredo, che gliela bacia
Mio Visconte, merce' di tal dono.

MARCHESE
Caro Alfredo

ALFREDO
Marchese

Si stringono la mano

GASTONE
ad Alfredo
T'ho detto:
L'amistà qui s'intreccia al diletto.

I servi frattanto avranno imbandito le vivande

VIOLETTA
ai servi
Pronto è il tutto?
Un servo accenna di sì
Miei cari sedete:
È al convito che s'apre ogni cor.

TUTTI
Ben diceste le cure segrete
Fuga sempre l'amico licor.

Siedono in modo che Violetta resti tra Alfredo e Gastone, di fronte vi sarà Flora, tra il Marchese ed il Barone, gli altri siedono a piacere. V'ha un momento di silenzio; frattanto passano i piatti, e Violetta e Gastone parlano sottovoce tra loro, poi:

GASTONE
piano, a Violetta
Sempre Alfredo a voi pensa.

VIOLETTA
Scherzate?

GASTONE
Egra foste, e ogni dì con affanno
Qui volò, di voi chiese.

VIOLETTA
Cessate.
Nulla son io per lui.

GASTONE
Non v'inganno.

VIOLETTA
ad Alfredo
Vero è dunque? onde è ciò?
Nol comprendo.

ALFREDO
sospirando
Si, egli è ver.

VIOLETTA
ad Alfredo
Le mie grazie vi rendo.
Voi Barone, feste altrettanto

BARONE
Vi conosco da un anno soltanto.

VIOLETTA
Ed ei solo da qualche minuto.

FLORA
piano al Barone
Meglio fora se aveste taciuto.

BARONE
piano a Flora
Mi è increscioso quel giovin

FLORA
Perché?
A me invece simpatico egli è.

GASTONE
ad Alfredo
E tu dunque non apri più bocca?

MARCHESE
a Violetta
È a madama che scuoterlo tocca

VIOLETTA
Mesce ad Alfredo
Sarò l'Ebe che versa.

ALFREDO
con galanteria
E ch'io bramo
immortal come quella.

TUTTI
Beviamo.

GASTONE
O barone, né un verso, né un viva
Troverete in quest'ora giuliva?
Il Barone accenna di no
Dunque a te
ad Alfredo

TUTTI
Sì, sì, un brindisi.

ALFREDO
L'estro
Non m'arride

GASTONE
E non se' tu maestro?

ALFREDO
a Violetta
Vi fia grato?

VIOLETTA
Sì.

ALFREDO
S'alza
Sì? L'ho già in cor.

MARCHESE
Dunque attenti

TUTTI
Sì, attenti al cantor.